Corsi di cucina siciliana: l’influenza araba nelle ricette tradizionali

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La Sicilia è una terra dal clima mite che le permette di essere ricca di ortaggi e piante aromatiche, perciò le ricette di cucina siciliana sono caratterizzate dall’uso di origano, menta, rosmarino, finocchietto selvatico e tante altre le spezie tipiche del mediterraneo, ma non solo. Frequentando corsi di cucina siciliana potete scoprire le mille ricette tipiche, e la grande varietà di spezie, prodotti agricoli e di pescato che ne fanno da ingredienti.

Per comprendere l’affascinante arte culinaria sicula, bisogna infatti partire dalla sua più antica cultura e quindi dalla sua storia, soprattutto in relazione alle decisive influenze della cultura araba: dal IX all’XI secolo la Sicilia fu dominata dagli Arabi, che soppiantarono il potere di Bisanzio, il cui controllo politico sull’isola e sull’ impero Romano orientale iniziò nel 535 a.C. e terminò con la sconfitta militare inflitta delle truppe arabe durante gli anni venti dell’ 800.

La cultura araba diede un enorme contributo allo sviluppo economico e civile dell’isola, favorendo ed ampliando la rete commerciale e agricola, contribuendo alla costruzione di una rete di canalizzazione idrica, che permise colture rigogliose totalmente innovative come quelle del ficodindia, del pesco, dell’albicocco, e di ortaggi quali le melanzane, gli asparagi, il miglio, i meloni ed il pistacchio, inoltre si diffusero maggiormente le coltivazioni di aranceti.

Agli ortaggi si aggiunsero le diverse spezie portate dall’ Africa come la cannella, i chiodi di garofano e lo zafferano. Fece la sua prima comparsa nel mediterraneo l’albero di carrubba, che permise il primo utilizzo dello zucchero come dolcificante al posto del miele utilizzato fino a quel momento.

Cultura araba

L’influenza della cultura araba si fuse con la creatività e la cultura siciliana anche in ambito culinario, dando vita ad una cucina raffinata e rinnovata, che si estenderà nel tempo a tutti i paesi del bacino del Mediterraneo e ed influirà principalmente su quella che è diventata oggi la tipica cucina italiana.

Ad esempio, gli stessi maccheroni hanno origini arabo-berbere, e si chiamavano mukaran, ovvero lunghi fili di pasta di farina di grano duro, che venivano già conditi con pesce, uva passa, pinoli e zafferano, una ricetta che è arrivata intatta fino ai giorni nostri: la pasta con le sarde.

cous cous corsi di cucina torino

CousCous corsi di cucina torino

La ricetta degli arancini deriva anch’essa da un’usanza araba, quella del pasto a base di un pugno di riso bollito e di carne, che i siciliani elaborarono creando la ricetta degli arancini, timballi rotondeggianti fritti, contenenti riso, carne e verdure, divenuti uno dei piatti tipici siciliani più diffusi, oggi in tutta Italia.

Anche l’arte pasticcera fiorì, dando vita ad una varietà infinita di manicaretti dolci e sapientemente decorati a base di mandorle, pistacchio, cannella e ricotta, molti dei quali devono il loro nome all’antica lingua araba, come la cassata, dalla parola araba qas’at, e la “cubbàita”, dalla parola qubbyta, un torrone al miele con semi di sesamo e mandorle.

Non dimentichiamo che, insieme agli arancini, parte integrante della cultura culinaria della Sicilia è il cibo cucinato e venduto per strada, oggi molto apprezzato in genere e chiamato street food, tra cui si annoverano le panelle palermitane, cremose frittelle di ceci, la cartocciata catanese, una tasca ripiena di prosciutto cotto, mozzarella, olive nere e pomodoro o altre varianti, oppure la pizza palermitana molto lievitata chiamata “sfincione”, condita con un gustoso sugo di pomodoro e caciocavallo semistagionato, formaggio tipico siciliano.

La scuola Abc in cucina propone due corsi di cucina a Torino, un corso di cucina siciliana in cui scoprire i gusti tipici siciliani in cui sono uniti armonicamente agro, amaro , dolce, salato, aromi, e spezie con un’infinità di sfumature, ed un corso di cucina magrebina in cui apprendere la preparazione di felafel, pastilla e cous cous con pollo e verdure, piatti tipici dell’Africa del Nord.

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Iscriviti alla nostra newsletter!